5.2 C
Roma
giovedì, Novembre 26, 2020
Home Anno 2019 "Neoborbonici" a convegno

“Neoborbonici” a convegno

“Neoborbonici” a convegno
Non offendere la storia.
dell’Ing. Domenico Giglio

Sul Corriere della Sera di domenica 13 ottobre un lungo articolo è dedicato ad un convegno dei neo o vetero borbonici in quel di Cosenza. Ora, a prescindere da alcune inesattezze del promotore del convegno riportate dal giornale, come quella della famosa prima ferrovia, indicata del 1836, ma che è invece del 1839 (questo potrebbe essere un normale refuso tipografico), e collegante Napoli a Nocera, mentre invece era Napoli – Portici (e questo non questione di battitura), la cosa veramente offensiva e scandalosa per la locale memoria storica, è avere scelto proprio Cosenza per questa riunione.

Se c’è stata infatti nel regno delle Due Sicilie una regione apertamente e risolutamente antiborbonica, insieme con la Sicilia, il cui Parlamento nel 1848 proclamò decaduta la dinastia “spergiura”, questa è stata proprio la Calabria e Cosenza in particolare aveva dato prova ripetutamente di un sentimento ribelle nei confronti di un governo dispotico e poliziesco.

Le continue sollevazioni sanguinosamente represse risalgono agli anni ’20 del 1800, si rinnovano nel 1837, hanno un ulteriore episodio, ancor più sanguinoso nel 1844 e poi ancora nel 1847 e 1848 insieme con Reggio Calabria. Ora recarsi a Cosenza o è prova che questi “neo” non conoscono la storia, il che può anche essere, oppure che abbiano volutamente punito la Calabria per questi “peccati” liberali, come se nella Vandea oggi si tenesse un convegno su Marat e Robespierre! E vicino a Cosenza non vi è forse il vallone di Rovito dove furono fucilati due giovani ufficiali della Marina Austriaca, figli di un ammiraglio della stessa marina, i fratelli Bandiera, destinati ad una brillante carriera se non fossero stati conquistati dalla passione unitaria, oltre tutto non sudditi borbonici, e con loro proprio dei cosentini, tra cui Nicola Corigliano e Antonio Raho. Cosa hanno a che vedere tutti questi morti con i neo o vetero borbonici?

14 ottobre 2019

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Frammenti di riflessioni

del Prof. Avv. Pietrangelo Jaricci Giustizia costituzionale La Corte costituzionale ha dichiarato che la potestà...

20 settembre 1870: perché senza Roma capitale l’Italia non si poteva fare. Una “conviviale” del Rotary Club Roma Sud

di Salvatore Sfrecola Una “conviviale” un po’ particolare, come solo è possibile in tempi di Covoid-19, per il...

È la politica la causa dell’inefficienza della Pubblica Amministrazione

di Salvatore Sfrecola L'Amministrazione pubblica italiana ha fama di non essere all'altezza del ruolo. Chi l’ha studiata a...

Frammenti di riflessioni

del Prof. Avv. Pietrangelo Jaricci Giustizia amministrativa Con le modifiche apportate dall’art. 5 del d.l....

Recent Comments