mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeNEWSA proposito dell’ex Sindaco di Trani, assolto dopo un calvario di ben...

A proposito dell’ex Sindaco di Trani, assolto dopo un calvario di ben otto anni

di Ignazio de Marco

Per chi lo conosce, Luigi Nicola Riserbato è una bella persona. Di buona famiglia, di sani principi, cattolico praticante, onesto e generoso ha dimostrato senza ostentazione i suoi talenti impegnandosi nella vita sociale, nell’attività professionale e nell’agone politico.

I cittadini di Trani – dove vive dalla nascita (ma la mamma é molfettese) – gli hanno riconosciuto queste prerogative e premiato eleggendolo Sindaco. Nell’indossare la fascia tricolore promise di essere al “servizio” di quella comunità locale: una promessa mantenuta con un percorso intrapreso e realizzato mediante numerose iniziative a favore dei concittadini, attenendosi ai cardini di trasparenza, imparzialità e disinteresse imposti dalla carica.

Forse per oscuri motivi politici qualcuno non ha condiviso questo modus operandi poiché, dopo due anni di “buon governo”, alla Procura della Repubblica di Trani è pervenuta una inattesa denuncia per gravi reati (ossia aver fatto parte, con altre persone, di un comitato politico/affaristico che avrebbe gestito e pilotato appalti in quel Comune). Nel pur dovuto esercizio dell’azione penale, alle succitate illazioni è stato purtroppo dato seguito frettolosamente, mediante l’avvio di un vero e proprio “calvario” durato ben otto anni e inasprito, per giunta, dall’arresto domiciliare di 45 giorni. Situazione tale da cambiare radicalmente la vita personale, famigliare, lavorativa e politica (con la forzata dimissione dall’incarico) di una persona stimata e benvoluta.

La recentissima assoluzione nel merito con formula piena (il fatto non sussiste), ottenuta rinunciando alla prescrizione, ha restituito in qualche modo dignità e onore alla persona del Sindaco Riserbato e ha confermato che la sua condotta è stata sempre improntata a legalità.

Al riguardo sembrano opportune alcune brevissime riflessioni.

Il tempo trascorso non ha sbiadito (né mai lo potrà) la sgradita sorpresa, oltre alla profonda amarezza, provate all’alba del 20 dicembre 2014 nel ricevere l’avviso giudiziario con tutte le intuibili conseguenze di vario genere, specialmente morali – anche per il diffuso clamore mediatico (lo strepitus fori del diritto romano) degli organi di stampa e televisivi – tali da prostrare una persona sensibile e irreprensibile. Nessun risarcimento potrebbe essere sufficiente, pertanto, a compensare ex post il lungo incubo costellato da disagi, sofferenze, privazioni e rinunce in attesa del giudizio finale.

Il silenzioso atteggiamento di Riserbato e il suo grande rispetto per la magistratura non esime dal ritenere oltremodo problematico il comportamento di alcuni “protagonisti” della Procura tranese, poi, condannati essi stessi per reati effettivamente commessi nell’esercizio della loro attività. Chi studia legge sa bene che l’azione penale esige imparzialità, oculatezza, equilibrio, raziocinio, maturità e massima attenzione, sopra tutto, nelle attività preliminari all’istruttoria ossia nella fase di acquisizione delle prove che devono essere “gravi, precise e concordanti” (ma, aggiungiamo, anche certe, fondate e valide;) sicché, ai fini della retta formazione dei conseguenti provvedimenti, non sono concepibili né ammesse sbavature e/o incertezze nell’osservanza di questi canoni fondamentali posti a garanzia sia della libertà del cittadino sia della piena legalità dello Stato di fronte al medesimo.

Non è, inoltre, da trascurare – anche nel nostro caso – l’ eccessiva durata del processo per giungere alla decisione tanto più se, come per il nostro ex Sindaco, assolutoria. In tutti questi anni la persona indagata è in attesa dell’esito finale con la comprensibile incertezza di esso e con il conseguente intuibile disagio della vita “normale “ cui, invece, ciascuno ha pienamente diritto. La coscienza collettiva, da tempo, invoca adeguati provvedimenti in materia sia per la rapida definizione delle iniziative penali sia per restituire il dovuto rispetto a chi (e sono davvero tanti) nell’esercizio di funzioni istituzionali non ha commesso reati.

Infine: limitarsi a parlare di malagiustizia e/o di errore giudiziario non appaga certo coloro i quali, avendo “fame e sete di giustizia”, nutrono fiducia nel terzo potere dello Stato. Occorre pretendere, pertanto, che il vero “sistema” (non quello distorto che ha lungamente caratterizzato la Procura di Trani, con incalcolabili danni di credibilità ed economici per i malcapitati…) funzioni al meglio per realizzare al più presto ed effettivamente l’auspicato buon andamento giudiziario a vantaggio di chi è innocente e soltanto dopo, purtroppo, è riconosciuto tale. Anche i mass media dovrebbero, in questo caso, dare lo stesso ampio risalto inizialmente propalato con intenti non sempre commendevoli.

1 commento

  1. Concordo ma non basta: dall’inizio dell’anno con questo sono già 4 i casi clamorosi di errori giudiziari in genere, Consip/Romeo, Padovano (ex calciatore), e Sorbara (ex politico valdostano). Occorre responsabilizzare i magistrati con una vera responsabilità civile. Basta con la storia della tutela dell’indipendenza della magistratura (il magistrato non è responsabile quando giudica) a scapito del diritto dei cittadini ad un equo indennizzo!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments

filippo de jorio on Cosa insegna il voto in Abruzzo
Leprotti Arturo on Un po’ di umiltà please…
Michele D'Elia on La Domenica del Direttore
Michele D'Elia on Se Calenda ha un piano B