16 C
Roma
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home NEWS Neppure un francobollo nel bicentenario della nascita del Padre della Patria

Neppure un francobollo nel bicentenario della nascita del Padre della Patria

di Salvatore Sfrecola

          Quest’anno, il 14 marzo, le istituzioni dello Stato avrebbero dovuto ricordare i 200 anni della nascita di Re Vittorio Emanuele II, colui che, per unanime giudizio degli storici, ha svolto un ruolo essenziale nella formazione dello Stato unitario, di quello stato nazionale che da secoli auspicavano le persone di cultura, mentre ovunque in Europa si andavano formando gli stati nazionali, i regni che hanno fatto la storia del Continente.

Ovunque la ricorrenza sarebbe stata ricordata con adeguato risalto, magari solo con un francobollo, uno dei tanti che, ogni anno, emette Poste Italiane per ricordare uomini ed eventi. Così sono andato a scorrere l’elenco delle emissioni 2020. C’è di tutto, dalla celebrazione del 70° del Festival di Sanremo al 30° di Telethon, al 110° Carnevale di Point-Saint-Martin, al 100° anniversario della fondazione della Fabbrica Italiana Lapis ed Affini e poi ricordo di Fellini, di Sordi, di Zeno Colò, di Raffaello Sanzio. Ma non un francobollo che ricordasse il Padre della Patria. Non c’era stato neppure nel 2011 quando pure fu emesso un francobollo per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

È una grave trascuratezza che non fa onore alle istituzioni della Repubblica Italiana. Che abbiano timore di ricordare agli italiani che essendo stati “da secoli calpesti, derisi, perché non siam popolo, perché siam divisi”, come ha scritto Goffredo Mameli nell’Inno nazionale, siamo diventati stato per iniziativa di alcuni uomini di pensiero e d’azione, uno dei quali si chiamava Vittorio Emanuele di Savoia, prima Re di Sardegna, poi d’Italia?

È veramente deprimente. Non voglio esprimere giudizi sulla conoscenza della storia e sul senso dello Stato, sulla consapevolezza della identità di questo popolo che manifestano i nostri “statisti”.

Ma voglio loro ricordare alcune cose, a cominciare dal 12 marzo 1821.

“Chissà che egli, più fortunato di me, non riesca a fare la felicità di questo regno”. Parla Vittorio Emanuele I, Re di Sardegna, che ha appena abdicato in favore del fratello Carlo Felice. Al momento di lasciare Palazzo Reale va a salutare il piccolo principe che porta il suo nome. Ha un anno, essendo nato a Torino il 14 marzo 1820. Lo trova tra le braccia della madre, Maria Teresa di Asburgo Lorena, Principessa di Carignano, lo accarezza e formula quell’augurio. Che si realizzerà. Infatti Vittorio Emanuele, figlio di Carlo Alberto, il re di Sardegna che, come ha scritto Silvio Bertoldi, “tentò di fare l’Italia”, riuscirà nell’intento e il 17 marzo 1861 assumerà “per sé e per i suoi successori il titolo di re d’Italia”. La formula, re “per grazia di Dio e per volontà della nazione” ne fa un “re eletto”, come sottolinea Giovanni Spadolini il quale ricorda che era sua ambizione essere “soprattutto il re degli italiani, nel senso orleanista del termine, il risultato e quasi il simbolo dello sforzo congiunto dell’iniziativa diplomatica e dell’iniziativa rivoluzionaria”. Insomma di Camillo Benso di Cavour e di Giuseppe Garibaldi, uno straordinario statista (per Metternich, in Europa il “solo vero uomo politico”; ed aggiungeva “disgraziatamente è contro di noi”), e un condottiero capace, come nessun altro, di trascinare giovani e vecchi, nobili e borghesi, intellettuali e popolani, provenienti dalle città più importanti e dai borghi più sperduti d’Italia e di guidarli in battaglia. Vittorio Emanuele cercò sempre di rendere compatibili le azioni dell’uno e dell’altro, a volte riuscendoci, convinto che fosse nell’interesse delle comuni aspirazioni nazionali.

Consapevole dei suoi doveri, assunse su di sé l’onere di procedere in equilibrio fra il principio di ordine, caro all’aristocrazia piemontese dominata da significative componenti reazionarie, e la rivoluzione nazionale dei giovani liberali che aveva convinto il padre Carlo Alberto a concedere lo Statuto (il 4 marzo 1848), una costituzione liberale i cui principi fondamentali sono stati in gran parte ripresi dalla Costituzione della Repubblica. A 29 anni si trova improvvisamente ad ereditare il trono di un piccolo regno sconfitto dall’Armata del Maresciallo Joseph Radetzky. “Si affida all’istinto, scrive Franco Valsecchi, … E trova nell’intuito, nell’istintivo buon senso un suo scaltro acume che sorprende e sconcerta; sì che gli capita di infilar la via giusta, dove menti ben più acute si smarriscono nella complessità dei problemi”. Così a Vignale, dove incontra il Comandante dell’esercito vincitore, “fiuta la situazione, e con innata scaltrezza ne cava tutto quello che può. Con Radetzky, egli mostra piena coscienza del valore delle carte che ha in mano, ed una indiscutibile abilità nel giocarle. Gioca sullo spauracchio della rivoluzione, sull’interesse austriaco a tenere in piedi la monarchia in Piemonte, sulle incognite e i pericoli di una soluzione di forza. La situazione del paese sconsiglia una aperta reazione; l’abolizione del regime costituzionale provocherebbe uno sconvolgimento. Nel bene inteso interesse della conservazione, conviene procedere con cautela: lo statuto può essere una valvola di sicurezza, può divenire, in chi lo sappia maneggiare, uno strumento d’ordine”. Con questi argomenti riesce a convincere l’anziano soldato, una leggenda nella storia militare austriaca. Ne dà conferma lo stesso Radetzky in un rapporto al suo governo del 26 marzo: “il re … dichiarò apertamente la sua ferma volontà di voler, da parte sua, dominare il partito democratico rivoluzionario… ; e che per far questo gli occorreva soltanto po’ di tempo, e specialmente di non venire screditato all’inizio del suo regno”.

Radetzky sa del malessere che serpeggia all’interno del Regno. Genova insorge, i deputati delle sinistre invitano alla resistenza ad oltranza, all’insurrezione armata, alla guerra popolare. La Camera si oppone alla ratifica dell’armistizio. Tanto che il Re deve scioglierla ed intervenire nella campagna elettorale con tutta la sua autorità. Lo fa con il “Proclama di Moncalieri” nel quale critica duramente le posizioni assunte dai parlamentari accusandoli di una sterile opposizione ad una politica “che era la sola possibile” e di aver voluto porre delle condizioni “che distruggevano la reciproca indipendenza dei tre poteri, e violavano così lo statuto del Regno”. Il re intendeva in tal modo “salvare la nazione dalla tirannia dei partiti”. Era l’unico modo possibile per avere la forza di conservare lo Statuto, per consentire al governo piemontese di “mantenersi rappresentante nella penisola della politica sinceramente liberale e costituzionale”, come si legge nella relazione al governo degli inviati sardi Dabormida e Boncompagni alla conferenza sulla pace. Fu l’unico dei sovrani a mantenere lo statuto fra quanti nel 1848 avevano ceduto alle pressioni dei liberali e concesso una costituzione che avrebbero revocato una volta acquisita la protezione delle baionette austriache.

Il suo intervento fu giudicato sulle prime una forzatura, ma mantenne le garanzie costituzionali ed aprì alla trasformazione del regime in “parlamentare”. Vittorio Emanuele, re costituzionale, farà tuttavia valere spesso la sua autorità, non di rado entrando in conflitto con Cavour, come al termine della seconda guerra d’indipendenza, nel 1859, quando il Presidente del Consiglio si dimise il 12 luglio in polemica con il Re che invano cercò di dissuadere dall’accettare l’armistizio di Villafranca firmato da Napoleone III con l’Imperatore d’Austria Francesco Giuseppe. Vittorio Emanuele capì che il Piemonte non avrebbe potuto continuare la guerra senza l’alleato francese. Non si ameranno mai, il sovrano ed il suo primo ministro, del quale pure riconosceva le grandi doti di amministratore e di diplomatico. Senza Cavour si disse che il Re “sembrava uno scolaro in vacanza” (Giuseppe Massari). Ma Re Vittorio “si sentiva finalmente – scrive Denis Mack Smith – il vero padrone del paese, un sovrano che non si limitava a regnare ma governava”, “accreditassimo”, come ha sottolineato Giacchino Volpe, nelle Corti europee.

Secondo un testimone autorevole e certamente disinteressato, il Conte Karl Friedrich Vitzthum von Eckstädt, Ministro plenipotenziario di Sassonia a Londra: “il creatore dell’Italia non è affatto Cavour, bensì Vittorio Emanuele. Questi univa alla furberia del cacciatore di camosci la maggior bonarietà del mondo, al coraggio del soldato l’acume di un audace uomo di Stato. L’avvenire renderà giustizia a questa personalità misconosciuta dai contemporanei. Cavour, Rattazzi, Ricasoli, Lamarmora o come altro si chiamano, non eran che marionette nelle sue mani. Dei dettagli, non si curava. Lasciava la biancheria sporca da lavare ai suoi ministri. Osservò le forme costituzionali, divenute inevitabili, per servirsene ai propri scopi… Così, personificando il principio nazionale, dominò la situazione… Sacrificò sua figlia e la culla della sua casa, ma tenne al battesimo per sé e per il figlio la nuova Italia, a dispetto del Papa e dell’imperatore”.

Meno popolare di Garibaldi, che, pur repubblicano, gli fu sempre fedele riconoscendogli il ruolo di federatore dei patrioti, e per il quale conquistò il Regno dei Borbone al motto di “Italia e Vittorio Emanuele”, il re piaceva agli italiani, coraggioso, spavaldo, bravo cacciatore, ottimo cavallerizzo, un po’ donnaiolo, ma attento alla famiglia ed alla religione.

A lui si rivolge Giuseppe Mazzini: “Io, repubblicano, e presto a tornare a morire in esilio per serbare intatta fino al sepolcro la fede della mia giovinezza, sclamerò nondimeno coi miei fratelli di patria: preside o re, Dio benedica voi come alla nazione per la quale osaste e vinceste”.

Alla notizia della sua morte, il 9 gennaio 1878, la Regina Vittoria d’Inghilterra, che lo aveva ospitato a Londra tra il 30 novembre e il 6 dicembre 1855, tra incontri ufficiali, colazioni e cene “in famiglia”, lo ricorda con sincero affetto: “quando lo si conosce bene, non si può fare a meno di amarlo. Egli è così franco, aperto, retto, giusto, liberale e tollerante e ha molto buon senso profondo. Non manca mai alla sua parola e si può fare assegnamento su di lui”.

Una figura solida, dunque, Re Vittorio, un simbolo di quel “miracolo del Risorgimento”, come titola un bel libro di Domenico Fisichella, che, senza enfasi ma con realismo, ha realizzato lo stato nazionale “costruito – come scrive Spadolini – attraverso la libertà, non frutto di conquista, non opera di violenza, ma espressione di un grande moto popolare disciplinato dalla legalità e, diciamolo pure, dalla legalità democratica”.

In lui si identificarono, da Nord a Sud, liberali e conservatori. Massimo D’Azeglio lo definì “Re galantuomo”. Gli italiani che hanno memoria del Risorgimento lo ricordano come il Padre della Patria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Frammenti di riflessioni

del Prof. Avv. Pietrangelo Jaricci Giustizia costituzionale La Corte costituzionale ha dichiarato che la potestà...

20 settembre 1870: perché senza Roma capitale l’Italia non si poteva fare. Una “conviviale” del Rotary Club Roma Sud

di Salvatore Sfrecola Una “conviviale” un po’ particolare, come solo è possibile in tempi di Covoid-19, per il...

È la politica la causa dell’inefficienza della Pubblica Amministrazione

di Salvatore Sfrecola L'Amministrazione pubblica italiana ha fama di non essere all'altezza del ruolo. Chi l’ha studiata a...

Frammenti di riflessioni

del Prof. Avv. Pietrangelo Jaricci Giustizia amministrativa Con le modifiche apportate dall’art. 5 del d.l....

Recent Comments